Mostra contenuti secondari Nascondi contenuti secondari

Clicca qui per l'elenco dei corsi aggiornato. 2016-2017

Programma del Corso

 

 

    CORSO DI MICROPIGMENTAZIONE MEDICALE 

      

    26 - 27 Novembre 2016

   CARPI (MO)

 

Riservato al personale medico-sanitatio

 Costo del corso 537 euro+iva

 

    Docente  : Dott.ssa Cinzia Cirielli
 

 

 

Con il termine micropigmentazione ricostruttiva medicale si intende l'introduzione a livello del derma superficiale, di pigmenti biocompatibili per mezzo di aghi monouso  sterili. Con le  tecniche di repigmentazione areolare è possibile “creare” un areola dopo una  ricostruzione  chirurgica del seno, ridurre al minimo la comparsa di cicatrici,  restituire ad un areola  un colore più naturale e una forma simmetrica .  L’areola svolge un ruolo chiave nell’aspetto  estetico di un seno, dal momento che per una donna l’ immagine di sé può venirne decisamente alterata. La mancanza di un areola può essere psicologicamente ed emotivamente devastante determinando nella donna  un senso di inadeguatezza ,sia nell’accettazione della propria figura corporea che nel rapporto con gli altri  . La micropigmentazione ricostruttiva  dell’areola , fornisce il “tocco finale” dopo l’intervento chirurgico al seno. Le pazienti sentono che la procedura ,  le aiuta durante l’ultima parte del loro percorso a guadagnare sicurezza e  sentirsi anche dal punto di vista estetico complete .

In fase iniziale ogni trattamento viene scelto e discusso insieme alla paziente  e solo dopo aver chiarito dubbi e aspettative si procede con la parte operativa,progettando prima il lavoro e poi iniziando l'applicazione vera e propria.

A distanza di 30-50 giorni dalla prima seduta la paziente  viene generalmente sottoposto ad una seconda sessione di rinforzo e di controllo  , per assicurarsi del risultato definitivo. La durata del trattamento nel tempo è molto variabile e dipende da numerosi fattori:

       

  • la zona trattata
  • tecnica e tipologia di pigmenti utilizzati
  • età della paziente
  • istologia del singolo individuo
  • fattori esterni quali l'esposizione ai raggi solari e lampade    abbronzanti
  • fumo

 

 

Tecniche innovative e strumentazioni all'avanguardia atraumatiche  per i tessuti,pigmenti totalmente anallergici e bioriassorbibili  ,aghi e materiali sterili e monouso,rigidi protocolli per le procedure igienico-sanitarie ,  sono caratteristiche   fondamentali che contraddistinguono la serietà e il risultato  di questo tipo di tecnica.

 

 Il corso consiste nel fornire un' adeguata preparazione teorico-pratica, cercando di fare chiarezza, su di una metodica poco conosciuta in ambito medico, assai mistificata e spesso applicata in modo superficiale, ancor oggi di dominio quasi esclusivamente estetico.Vengono fornite le basi per il corretto utilizzo della Micropigmentazione che, nonostante aspetti ancora contraddittori, risulta di estrema utilità ( in eventuale associazione ad altre tecniche medico-estetiche e chirurgiche), nel trattamento dei principali inestetismi del viso e del corpo.

 

 

Domande sulla Micropigmentazione

 

Cos'è la Micropigmentazione?

 

La micropigmentazione, conosciuta anche come trucco semipermanente o permanenteè una specialità estetica che prevede l’introduzione nella cute, per mezzo di applicatori appositamente studiati, di pigmenti specifici al fine di modificare, correggere, abbellire ed equilibrare determinati tratti del viso o del corpo.

La micropigmentazione è certamente una forma di tatuaggio, ma grazie al differente processo produttivo dei pigmenti e alla differente profondità di applicazione degli stessi, il disegno eseguito permane per un periodo di tempo limitato. Per ottenere un risultato sempre perfetto, visibile e naturale è consigliato sottoporsi a un trattamento di ritocco circa ogni 12 mesi
.

 

Quali sono i trattamenti possibili?

 

La micropigmentazione può essere classificata in tre tipologie diverse in base al tipo di correzione.

 

 

 

Micropigmentazione estetica (fino a oggi conosciuta come trucco semipermanente o permanente), utilizzata per modificare e ridefinire la forma di sopracciglia, occhi e labbra;
 

Micropigmentazione correttiva, impiegata per realizzare correzioni di forme scorrette e colori errati.
 

Micropigmentazione ricostruttiva, applicata per eseguire il camouflage di cicatrici e vitiligine, per pigmentare il cuoio capelluto in caso di alopecia o calvizie e per ricostruire l’areola mammaria in seguito a interventi chirurgici.

 

 

La Micropigmentazione è dolorosa?

 

Il dolore è un fattore assolutamente soggettivo e individuale.

Tuttavia, l’impiego di prodotti e attrezzature all’avanguardia da parte di personale qualificato riduce questa sensazione a un lievissimo fastidio, che si avverte solo durante la seduta.

 

Quanto dura il trattamento?

 

Il trattamento di micropigmentazione si mantiene in buone condizioni approssimativamente dai 6 ai 18 mesi, a seconda del tipo di pelle, della tecnica applicata, della zona trattata e del pigmento impiegato.

Generalmente è consigliato sottoporsi a un trattamento di ritocco circa 12 mesi dopo la prima seduta, se si desidera un risultato sempre perfetto, visibile e naturale.

 

Qual è la differenza tra Micropigmentazione e Tatuaggio?

 

Il trattamento di micropigmentazione è per definizione molto simile a un tatuaggio, ma da questo si differenzia per durata, tipologia di pigmento utilizzato, profondità di deposito del colore e attrezzatura impiegata.

Durata
Da 6 a 18 mesi. Il pigmento viene eliminato grazie al naturale processo di rigenerazione cutanea.

Tipologia di pigmento
Diverso dal pigmento utilizzato per il tatuaggio, per composizione chimica.

Profondità di deposito del colore
Strato superficiale del derma. Questo consente che, a seguito della naturale rigenerazione cutanea, il pigmento venga totalmente eliminato in circa due anni (fattore soggettivo), anche se non è garantita una totale e omogenea scomparsa del colore.

Attrezzatura impiegata
Nella micropigmentazione sono utilizzati accessori sterili e monouso, che quindi non necessitano di sterilizzazione in autoclave come nel caso degli accessori normalmente impiegati nel tatuaggio.
Indipendentemente dal termine che identifica questo affascinante settore, ci sono alcune caratteristiche imprescindibili: qualità, attenzione alle norme igienico-sanitarie che prescrivono l’utilizzo di materiale sterile e monouso, formazione approfondita e continua per l’operatore.

 

Chi può essere sottoposto a un trattamento di Micropigmentazione ?

 

La micropigmentazione è adatta a donne e uomini di qualsiasi età che desiderano mettere in risalto, definire o correggere alcuni lineamenti del volto per migliorare il proprio aspetto o nascondere lesioni e/o difetti.Questo trattamento è indicato per chi indossa lenti a contatto, per chi soffre di allergie ai tradizionali prodotti da trucco e per gli atleti di qualsiasi disciplina sportiva